capodannonapoli.net - cenoni, feste, discoteche, hotel, agriturismi, tutto su come passare il capodanno a Napoli e provincia

Mostra Dinosauri

Un team di paleontologi ha curato la scelta delle specie

Data Pubblicazione:

Napoli è una città che fa del turismo uno dei suoi punti di forza.

 

Tra le attrazioni più belle da visitare ci sono la mostra dinosauri Napoli e la città della scienza.

 

Il museo dei dinosauri a Napoli, dopo il grande successo riscosso a Roma e a Torino, dove ha avuto oltre 300.000 visitatori, è arrivato a Napoli per permettere a grandi e piccoli di vedere dei giganteschi dinosauri tornare in vita grazie ad una sofisticata tecnologia che ha permesso di creare dei robot che raggiungono la perfezione.

 

Un team di paleontologi ha curato la scelta delle specie, i movimenti e il comportamento dei dinosauri, che in alcuni casi sono in grado di muovere anche piccole parti del corpo, come gli occhi, la lingua e le dita, per un effetto quanto mai realistico.

 

Si tratta di un bellissimo viaggio attraverso la storia per scoprire l'evoluzione della vita sulla Terra. Il biglietto di ingresso costa circa 10 euro, mentre il biglietto per le famiglie costa circa 40 euro. L'orario di apertura va dal giovedì alla domenica e nei giorni festivi, dalle 10.00 alle 20.00.

 

La Città della Scienza Napoli è uno dei musei di Napoli più famosi al mondo. Aperto al pubblico nel 1996 , dispone di varie aree dove poter conoscere la scienza, i fenomeni naturali.

 

Si trova a Bagnoli, l'ex quartiere industriale di Napoli. Nel corso degli anni la Città della Scienza è cresciuta fino a diventare uno dei musei più visitati di Napoli, tanto che è incluso nella lista delle "organizzazioni non governative" dell'UNESCO.

 

La città della Scienza, distrutta durante un incendio doloso lo scorso 4 marzo, aveva tre aree principali: l'area della scienza, l'area formazione e sviluppo e l'area eventi.

 

Se venite a Napoli in vacanza, anche per eventi particolari come il capodanno, nessuna visita è completa senza essere stati almeno una volta in questi musei.

publisher
back to top